L’importanza della lettura

La lettura ad alta voce fin dai primi mesi è un momento di incontro e di condivisione, crea un legame intimo e significativo tra il bambino e chi legge per lui, ha il potere di consolidare il legame affettivo.

È scientificamente dimostrato ciò che Bowlby ci insegnava, i primi tre anni di vita dei bambini sono fondamentali per lo sviluppo futuro della personalità e quei momenti di coccole davanti ad un libro andranno a rendere più solide le basi dello sviluppo del bambino.

Attraverso le storie e i personaggi il bambino entra in contatto con le sue emozioni, impara a differenziarle e a non farsi spaventare, impara che hanno un nome, accompagnato in questa esperienza da un adulto che può contenerlo e indirizzarlo.

Da un punto di vista cognitivo la lettura stimola la fantasia, la creatività, la capacità di immedesimazione e la voglia di esplorare. È un canale di apprendimento alternativo che favorisce la comprensione di sé e del mondo circostante.
Il bambino con la lettura arricchisce il suo vocabolario e apprende un uso corretto della lingua. In modo naturale e senza fatica si predispone ad affrontare più agevolmente la scuola.

Leggere ad alta voce ai bambini, dunque, è fondamentale fin dai primi mesi, non dobbiamo pensare che per un bambino molto piccolo, che non è in grado di comprendere, non sia utile, al contrario lui ne trarrà beneficio sin da subito.

Per leggere ad un bambino non occorrono doti particolari, non facciamoci intimorire.